Cesare Bocci emoziona e vince Ballando con le stelle

Le famiglie, gli operatori e i ragazzi dell’Anffas oggi festeggiano Cesare, emozionati ed orgogliosi della vittoria del loro amico speciale che oggi è per l’associazione uno di famiglia, una presenza significativa che in questi anni ha portato tanto ad Anffas e non solo in termini di visibilità.

Con Cesare abbiamo condiviso e continuiamo a condividere tante iniziative che raccontano la storia e l’impegno dell’associazione al fianco delle persone con disabilità ed in ogni occasione abbiamo sperimentato il suo essere complice, non un ospite, ma una vera spalla, un compagno autentico sempre dalla nostra parte. Grazie Cesare!

Cesare Bocci, in coppia con la ballerina siciliana Alessandra Tripoli, ha vinto la tredicesima edizione del talent show Ballando con le stelle, condotto da Milly Carlucci, in diretta dall’Auditorium del Forum Italico per dieci settimane a partire dal 10 marzo e conclusosi il 20 maggio.

Con il 67% di preferenze Bocci porta a casa la grandiosa coppa e tutto l’affetto degli italiani che sono rimasti attaccati al divano fino all’una e mezzo di notte per vedere come sarebbe andata a finire. Sulle magiche note di “Non andare via“ di Gino Paoli – della prova a sorpresa – ballate con la sua compagna di vita e di avventura Daniela Spada – ha strappato lacrime e infinita stima. È arrivato dritto alla coppa dopo un confronto fra il primo e secondo posto con la coppia Francisco Porcella e Anastasia Kuzmina.

L’Italia delle brave persone, che c’è ed è numerosa, e le Marche gioiscono con lui. In particolare Anffas Macerata di cui Cesare Bocci è amico e testimonial da alcuni anni. “Cesare – dice di lui il presidente Anffas Macerata Marco Scarponiè riuscito a non farsi coinvolgere nelle domande insidiose della giuria e ha vinto perché ha mostrato ciò che è veramente. Non ha finto nulla, non ha recitato nessuna parte, non ha seguito nessuna strategia. È stato un protagonista discreto e la sua forza è stata l’essere autentico. In quel mondo in cui tutto sembra finto ciò che è vero lascia il segno e Cesare lo ha lasciato.”

“Non pensavo di vincere – commenta a caldo Bocci quasi irraggiungibile al telefono a causa dei numerosissimi impegni post vincita – ma ero determinato a fare la mia parte fino in fondo”.

Era al corrente del fatto che avrebbe ballato con Daniela?

“Non sapevo assolutamente nulla, non ero a conoscenza che si fosse allenata per tutta la settimana e vederla lì è stata per me una grande sorpresa, un’altra battaglia vinta da Daniela che è una combattente nata”.

Continuerà a ballare?

“Sì, continuerò perché è bellissimo. E magari potrò iniziare a farlo con Dani”.

“È stanco e molto soddisfatto – dice di lui Fabio Fondi, amico romano della coppia da decenni – ma non credo che avrà tempo per riposare perché è impegnato con le riprese de Il commissario Montalbano. Cesare è la persona che si è vista in TV: semplice, educato, rispettoso, innamorato. In trasmissione lo hanno criticato anche per questo, pensando che nascondesse “il vero se stesso” dietro la facciata della brava persona ma lui è così, quasi un’eccezione nel mondo dello spettacolo”.

Lei nel ballo con Daniela non solo l’ha guidata ma l’ha sostenuta con amore e le ha chiesto continuamente come si sentisse.

“Daniela mi ha fatto una grande sorpresa e alla fine del ballo quando sono andato nel back stage tutti erano commossi”.

Lei era stato invitato a Ballando più volte ma non aveva mai accettato, perché?

“Sì, ho avuto altre precedenti proposte ma ho rifiutato perché non era il momento giusto. Andare a Ballando mi metteva una certa paura. Si correva il serio rischio di non fare una bella performance e avevo paura di fare una figuraccia. Quest’ultima volta, invece, avevo un periodo di pausa dal lavoro; ho metabolizzato la paura e ho deciso di partecipare”.

Pensava di vincere?

“Secondo me la più brava è stata Jessica Notaro. Non pensavo di vincere ma speravo di arrivare alle finali”. Che ambiente ha trovato? “Un ambiente professionale e umano molto bello, ho legato con tutti, i più giovani mi chiamano zio”.

Il suo nome legato a Mimì Augello da venti anni con questa vittoria la lascerà più libero dall’essere identificato sempre come vice commissario sciupa femmine?

“Sono molto legato a Mimì ovviamente ma sono molto contento che a Ballando si sia visto Cesare. Vorrei avere la possibilità di fare anche altro”.

“Ho seguito anche io la trasmissione – commenta Paolo Carassai, collaboratore di Anffas – è stato emozionante vedere ancora una volta quella luce negli sguardi tra Cesare e Daniela. Una luce privata, tutta loro, che va oltre quella dei riflettori”.

Testi di Paola Olmi © riproduzione riservata
Foto: www.vanityfair.it  |  www.iltempo.it  | www.zimbio.com

Lascia un commento

Contattaci

Mandaci un messaggio, ti risponderemo al più presto.

Documento senza titolo